Call center, al via la discussione per l’esonero sulle delocalizzazioni

Tema delocalizzazioni call center, la nota stampa della SLC Calabria sull’emendamento in via di discussione che prevederebbe l’esonero per le grandi aziende Tlc

 

Riceviamo e diffondiamo il comunicato stampa della SLC CGIL Calabria sul delicato tema delle delocalizzazioni nel comparto call center: “È di questi giorni la notizia che è stato presentato dal Governo un emendamento, il numero 89.0.100, che prevede una modifica all’art 24bis del decreto legge 22 giugno 2012 n. 83.
Questa modifica, se approvata, esonererebbe le aziende committenti, che svolgono attività di call center, dall’obbligo di informare preliminarmente il cliente sul Paese in cui l’operatore con cui parla è fisicamente collocato e da quello di dare la possibilità all’utente di parlare con un operatore collocato in Italia o in altro Paese EU, sia per il settore inbound che per quello outbound.
Inoltre, le aziende committenti, sarebbero esonerate dall’obbligo di iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione.
Le modifiche richieste dal governo, sono chiaramente in contraddizione con la volontà di limitare le delocalizzazioni, in quanto esonerano dagli obblighi sopra descritti una parte importante della filiera, la committenza.
Quindi, a soli pochi mesi dalla firma del protocollo del Ministro Calenda coi grandi committenti, in cui si prospettava il recupero di oltre 20.000 posti di lavoro dalle delocalizzazioni, si assiste alla deresponsabilizzazione degli stessi andando in controtendenza con quanto affermato.
Le istituzioni dovrebbero fare chiarezza una volta per tutte, dovrebbero dirci, anche se lo si capisce abbastanza chiaramente, se hanno intenzione di mettere un freno all’emorragia di lavoro che stiamo avendo in questo settore, regolamentandolo e mettendolo in sicurezza, oppure se intendono abbandonarlo al liberismo sfrenato in cui continueranno a macinare profitti “im-prenditori” spregiudicati e contemporaneamente si continueranno a scaricare le crisi sui lavoratori e sulla fiscalità generale”.

email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *